16 Ottobre 2021
visibility
News

>> DOMENICO TEMPIO

27-04-2021 23:56 - LE CURIOSITA' DI ZIBIBBU
Nasce a Catania il 22 Agosto del 1750 (città dove morirà il 4 febbraio 1821) da Giuseppe, mercante di legna, e da Apollonia Arcidiacono. Terzo di sette figli, era stato destinato al sacerdozio e, a tale scopo, entrò nel seminario arcivescovile, che era a quel tempo la più importante scuola della città. Ne usci all'età di 23 anni, nel 1773, e il padre, vista fallita la vocazione sacerdotale del figlio, avrebbe voluto avviarlo alla professione forense, ma anche questo tentativo falli, perché il giovane Domenico preferì proseguire nella strada degli studi umanistici.

Conosciuto come Micio o Miciu, versione dialettale del suo nome, è stato fra i maggiori poeti siciliani del suo tempo, a cavallo fra la fine del 1700 e gli inizi del 1800. Fu accolto nell’Accademia dei Palladi e nel salotto letterario del mecenate Ignazio Paternò principe di Biscari. Tante sono le leggende, storie e curiosità legate a questo personaggio.

Domenico Tempio rappresenta la “catanesità moderna“, tanto da essere definito uno dei cantori della città del tempo. Molto spesso, Micio Tempio è stato ingiustamente relegato entro un particolare ambito, quello della poesia erotica, licenziosa, benché fosse un accademico, un finissimo intellettuale, dallo spessore culturale molto alto. In Francia era conosciuto e amato perché traduceva direttamente dal greco al francese. La sua cultura affonda le radici nella classicità, tanto da essere un poeta dell’eros e satirico, come Saffo, Catullo, Ovidio, Marziale. Tempio fu apprezzato per la sua satira aspra, pungente, irriverente. Coi suoi versi denunciava le ingiustizie dei prepotenti sul popolo, l’immobilismo catanese, servendosi di un’ilarità amara e licenziosa. La sua poesia mirava a sferzare, a scuotere le coscienze e incitare all’azione, mostrando la sua diffidenza nei confronti del potere.

Micio Tempio è stato uno dei personaggi più amati dai catanesi. Le sue idee giacobine gli costarono caro, tanto che il suo mito, via via, andò scemando, subendo quasi una sorta di damnatio memoriae dopo la sua morte. Tempio è un vero e proprio poeta maudit. Fra le curiosità che riguardano la sua vita spiccano sicuramente il suo essere amante delle donne, presenti nella sua opera, ricordiamo i nomi di Nice, Clori e Tudda. Frequentò assiduamente bordelli e prostitute. Micio ebbe lutti e dolori, nonostante le sue doti, visse quasi sempre nella povertà, aiutato da amici e sostenitori e da un sussidio comunale.Si racconta che trascorresse ore e ore ai tavoli dell’osteria di Don Ramunnu a bere vino e allietare gli avventori coi suoi versi.

Dalle stampe, Domenico Tempio appare bruttarello, basso, magro. Prima di morire, si dice che andò da una prostituta, esprimendo la volontà di voler morire dove era nato. Dalla moglie Francesca Longo, morta di parto ebbe un figlio che morì poco dopo; successivamente, la sua compagna di vita fu la serva dell’osteria, Caterina, da cui ebbe il figlio Pasqualino. Una delle leggende metropolitane che ruotano attorno alla figura di Micio è legata ad uno dei palazzi storici del centro di Catania, Palazzo Bruca, nella centralissima via Vittorio Emanuele, al cui interno si trova una fontana con una particolare statua che raffigura il dio Nettuno. Si è tramandato che quello rappresentato non fosse il dio del mare bensì Micio, raffigurato per celebrare le sue doti sessuali molto spiccate. Si racconta infatti che Tempio fosse “superdotato” e si facesse pagare per soddisfare le voglie delle donne della “Catania bene”, trascurate dai mariti. Dunque, il dio sarebbe la personificazione del poeta che dice: ” cu stu c.. u mi fici n’palazzu“. Particolare anche la posizione delle dita che indicano da una parte il suo sesso, reso evidente dal fatto che manca il tridente, dall’altra, parte del palazzo stesso.Un’altra leggenda che riguarda Micio Tempio è legata ad un altro palazzo del centro storico, sempre in via Vittorio Emanuele, sito quasi a fianco della bellissima Chiesa di San Placido, vicino a palazzo Biscari e agli archi della Marina. Il palazzo in questione è Mazza di Villallegra, donato dal Principe di Biscari al suo poeta di corte. La costruzione dell’edificio avvenne tra XVIII e XIX secolo. La targa, apposta dal Rotary Club, recita: “in questa casa visse Micio Tempio che dello spirito erotico si nutriva per fare poesia. O viaggiatore, alza lo sguardo e sorridi a colui che questi simboli ai posteri lasciò“. Molti dissentono dal considerare questa come la casa di Tempio, vista l’incongruenza delle date. La penuria di fonti biografiche lascia il dubbio. L’unica certezza è quella che l’edificio presenti il “balcone più erotico” di tutta Catania per via delle sue sculture “osè” realizzate per volere di Micio, per beffarsi delle suore del Convento antistante, viste le sue posizioni schiettamente anticlericali, o che l’artista abbia reso un omaggio al poeta catanese e alla sua opera. Le sculture che abbelliscono il balcone sono di origine barocca. Si intravedono infatti gli elementi propri di questo stile. La peculiarità del balcone sta nel fatto che accanto ai caratteristici mascheroni, vi sono delle cariatidi che mimano un gesto che rimanda all’autoerotismo, motivo che si ripete nella figura maschile che sormonta l’arco del portale e si inserisce poco sotto il balcone. A rimarcare la sensualità delle figure anche i cavalli che affiancano le donne e si sopraelevano sulla figura maschile.

Come già detto, Domenico Tempio, è una delle figure più amate dai catanesi, nonostante sia stato nel tempo circoscritto all’ambito volgare, sessuale, provocatorio delle sue composizioni. Secondo alcune fonti non ufficiali, sembra che fu sepolto, con onori cittadini, presso la Chiesa di San Giovanni, in via Garibaldi, nei pressi di Santa Maria dell’Aiuto, distrutta dai bombardamenti del 1943. All’interno del Giardino Bellini, nel viale degli uomini illustri, a pochi passi dal bellissimo Chiostro della musica, si trova anche il suo busto marmoreo. Il Comune di Catania gli ha dedicato anche una via, lungo il porto.


Sito realizzato da www.planimetrie.net
Il prodotto è stato inserito nel carrello

continua lo shopping
vai alla cassa
close
Richiedi il prodotto
Inserisci il tuo indirizzo email per essere avvisato quando il prodotto tornerà disponibile.



Richiesta disponibilità inviata
Richiesta disponibilità non inviata
close
ACCEDI

NON SONO REGISTRATO

crea account
invia ad un amico
chiudi
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
Informativa Privacy
PRIVACY POLICY PER I VISITATORI DEL SITO
La presente Privacy Policy ha lo scopo di descrivere le modalità di gestione di questo sito, in
riferimento al trattamento dei dati personali degli utenti/visitatori che lo consultano. Si tratta di un’informativa che è resa anche ai sensi dell’art. 13 del D. Lgs. 196/03 - Codice in materia di protezione dei dati personali – a coloro che si collegano al sito web aziendale della ZIBIBBU.IT e usufruiscono dei relativi servizi web a partire dall'indirizzo www.zibibbu.it. L’informativa è resa soltanto per i siti sopra menzionati e non anche per altri siti web eventualmente consultati dall’utente tramite appositi link.
Il sito www.zibibbu.it è di proprietà di Orazio Rao, che garantisce il rispetto della normativa in materia di protezione dei dati personali (D. Lgs. 196/03).
Gli utenti/visitatori dovranno leggere attentamente la presente Privacy Policy prima di inoltrare qualsiasi tipo di informazione personale e/o compilare qualunque modulo elettronico presente sul sito stesso.

TIPOLOGIA DI DATI TRATTATI E FINALITÀ DEL TRATTAMENTO
1) Dati di navigazione
I sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento di questo sito acquisiscono, nel normale esercizio, alcuni dati personali che vengono poi trasmessi implicitamente nell’uso dei protocolli di comunicazione Internet. Si tratta di informazioni che non sono raccolte per essere associate a interessati identificati, ma che per loro stessa natura potrebbero, attraverso elaborazioni e associazioni con dati detenuti da terzi, permettere di identificare gli utenti. In questa categoria di dati rientrano gli indirizzi IP o i nomi a dominio dei computer utilizzati dagli utenti che si connettono al sito, gli indirizzi in notazione URI (Uniform Resource Identifier) delle risorse richieste, l’orario della richiesta, il metodo utilizzato nel sottoporre la richiesta al server, la dimensione del file ottenuto in risposta, il codice numerico indicante lo stato della risposta data dal server (buon fine, errore, ecc.) ed altri parametri relativi al sistema operativo e all’ambiente informatico dell’utente. Questi dati vengono utilizzati al solo fine di ricavare informazioni statistiche anonime sull’uso del sito e per controllarne il corretto
funzionamento e vengono cancellati immediatamente dopo l’elaborazione. I dati potrebbero essere utilizzati per l’accertamento di responsabilità in caso di ipotetici reati informatici ai danni del sito: salva questa eventualità, i dati sui contatti web non
persistono per più di sette giorni.
2) Dati forniti volontariamente dagli utenti/visitatori
Qualora gli utenti/visitatori, collegandosi a questo sito, inviino propri dati personali per accedere a determinati servizi, ovvero per effettuare richieste in posta elettronica, ciò comporta l’acquisizione da parte di ZIBIBBU.IT dell’indirizzo del mittente e/o di altri eventuali dati personali che verranno trattati esclusivamente per rispondere alla richiesta, ovvero per la fornitura del servizio. I dati personali forniti dagli utenti/visitatori verranno comunicati a terzi solo nel caso in cui la II comunicazione sia necessaria per ottemperare alle richieste degli utenti/visitatori medesimi.
3) Cookies
Non viene fatto uso di cookies per la trasmissione di informazioni di carattere personale, né vengono utilizzati c.d. cookies persistenti di alcun tipo, ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti. L’uso di c.d. cookies di sessione (che non vengono
memorizzati in modo persistente sul computer dell’utente e svaniscono con la chiusura del browser) è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l’esplorazione
sicura ed efficiente del sito. I c.d. cookies di sessione utilizzati in questo sito evitano il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti e non consentono l’acquisizione di dati personali identificativi dell’utente.

Modalità del trattamento
I dati personali sono trattati con strumenti automatizzati per il tempo strettamente necessario a conseguire gli scopi per cui sono stati raccolti. Specifiche misure di sicurezza sono osservate per prevenire la perdita dei dati, usi illeciti o non corretti ed accessi non autorizzati. Facoltatività del conferimento dei dati A parte quanto specificato per i dati di navigazione, gli utenti/visitatori sono liberi di fornire i propri dati personali. Il loro mancato conferimento può comportare unicamente l’impossibilità di ottenere quanto richiesto.

Luogo di trattamento dei dati
I trattamenti connessi ai servizi web dei siti sopra indicati, hanno luogo presso la sede aziendale di ZIBIBBU.IT, del Titolare del trattamento. Nessun dato derivante dal servizio web viene comunicato o diffuso.
I dati personali forniti dagli utenti che inoltrano richieste di invio di materiale informativo sono utilizzati al solo fine di eseguire il servizio o la prestazione richiesta e sono comunicati a terzi nel solo caso in cui ciò sia a tal fine necessario.

Titolare del trattamento
Il titolare del trattamento dei dati personali è il sig. Orazio Rao.

Diritti degli interessati
I soggetti cui si riferiscono i dati personali hanno il diritto in qualunque momento di ottenere la III conferma dell’esistenza o meno dei medesimi dati e di conoscerne il contenuto e l’origine, verificarne l’esattezza o chiederne l’integrazione l’aggiornamento, oppure la rettificazione (art. 7 del D. Lgs. 196/03). Ai sensi del medesimo articolo si ha il diritto di chiedere la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, nonché di opporsi in ogni caso, per motivi legittimi, al loro trattamento. Le richieste vanno inoltrate al Titolare del trattamento ai recapiti indicati sopra.
torna indietro leggi Informativa Privacy  obbligatorio

close
Scegli la lingua
Sembra che la lingua del tuo browser sia diversa dal sito web
bandiera dell´Italia
ing flag
close
Utilizziamo i cookies
Questo sito utilizza cookie propri al fine di migliorare il funzionamento e monitorare le prestazioni del sito web e/o cookie derivati da strumenti esterni che consentono di inviare messaggi pubblicitari in linea con le tue preferenze, come dettagliato nella Cookie Policy. Per continuare è necessario autorizzare i nostri cookie. Cliccando sul pulsante ACCONSENTO, acconsenti all'uso dei cookie. Ignorando questo banner e navigando il sito acconsenti all'uso dei cookie.
Cookie Policy - Privacy Policy
Accetta i cookies necessari